I PESCI DEL NOSTRO MARE : Ricordi e aneddoti

1

                                      A cura di Gianfranco Maltese

“ Diversi modi di amarsaragoe il mare…”

 IL SARAGO

Diplodus Rafinesque1810 è un genere di pesci ossei marini appartenente alla famiglia Sparidae, comunemente noti come saraghi.

Benché le dimensioni dei saraghi che si possono in genere osservare vicino alle coste frequentate dall’uomo siano piuttosto contenute, alcuni esemplari possono superare i 40 cm e i 2 kg di peso.

Tutte le specie di saraghi presentano un corpo tondeggiante e compresso, con livrea di colore grigio-argenteo e una macchia nera poco prima della coda, ovvero sul peduncolo caudale. D. vulgaris si distingue facilmente dalle altre specie per la presenza di una vistosa banda nera nucale, che si estende dal dorso alla inserzione delle pinne pettorali. Il muso appuntito è invece uno dei caratteri distintivi del D. puntazzo, assieme a 7-8 strie verticali scure sui fianchi. Anche il D. sargus presenta 8-9 striature verticali scure e può essere distinto per la presenza di una macchia scura alla base delle pinne pettorali. Il D. annularis, con sagoma leggermente più allungata e dimensioni massime inferiori rispetto ai precedenti, non presenta strie verticali pronunciate, ha una colorazione grigio-argentea con sfumature giallo-verdi e pinne ventrali gialle.

Questi pesci sono diffusi nel Mar Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico orientale, dove vivono in fondali rocciosi o misti, dalle acque costiere fino ad una profondità di 100 metri. Benché i saraghi, e in particolare il D. sargus, ambita preda dei cacciatori subacquei, trovino principalmente rifugio in tane poste ad una certa profondità, quando le condizioni di tranquillità ambientale lo consentono, nella ricerca di cibo (la principale risorsa sono i ricci che vengono triturati con un idoneo apparato dentario) frequentano la fascia prossima alla battigia, avvicinandosi notevolmente alla superficie. Ne è una riprova la presenza predominante di resti di sarago accertata nell’alimentazione del falco pescatore, che cattura i pesci artigliandoli al volo senza tuffarsi.

È preda ambita dei pescatori in quanto la carne è prelibata. Si pesca da terra e in barca con canna e mulinello, ma è anche facile preda dei subacquei.

“Ricordo tempo fa di aver pescato durante una battuta di pesca subacquea e di aver catturato un grosso esemplare di Sarago a circa 10 metri di profondità. Ben 1kg e mezzo di bontà cucinato a forno la sera…!”

Per chi è interessato alla pesca di questo tipo di pesci…vi svelerò un segreto…

“ Mio suocero per andare a pescare saraghi utilizza un composto di sarde e molliche di pane chiamato pastura che si butta in mare prima della pesca e che attira questo tipo di pesci; l’esca utilizzata per la pesca è il gamberetto”.

Alla Prossima! Al prossimo pesce… al prossimo tuffo nel mare….!

Condividi l'articolo.

1 commento

Scrivi un commento