Nella provincia di Trapani vacanze per disabili sempre più accessibili

0

     La Sicilia è, indubbiamente, una delle regioni più interessanti dal punto di vista turistico. Dalle mete montane a quelle balneari, alla campagna come alla collina o alle città d’arte, l’unico imbarazzo per visitare la Sicilia è quello della scelta. In presenza di disabilità, però, come ben sappiamo, altro elemento da considerare è l’accessibilità, non solo degli alberghi e delle strutture che scegliamo per i nostri soggiorni, ma delle stesse città, spiagge, sentieri e località. Fortunatamente in questi anni anche nelle zone della provincia di Trapani sono stati fatti notevoli passi avanti, ecco perché l’associazione Spazio Libero Onlus, di cui sono la presidente, ha deciso di effettuare una mappatura del territorio trapanese, raccogliendo tutte le informazioni turistiche sul proprio portale web: www.spazioliberoonlus.it. In questo modo sarà possibile reperire in modo semplice e veloce tantissime informazioni sull’accessibilità delle città d’arte, riserve e spiagge come ad esempio la splendida riserva naturale “Grotta di Santa Ninfa” o il servizio “spiagge zero barriere” a San Vito lo Capo e tre Fontane. Inoltre molti lidi, da Favignana a Marsala, offrono gratuitamente l’uso di sedie JOB facilitando lo spostamento in spiaggia e l’ingresso in acqua. In questo contesto mi fa piacere sottolineare che sempre più numerose sono nell’isola le spiagge che si rendono accessibili a tutti anche alle persone in carrozzina. Per il 2017 è stato stilato dall’associazione Sicilia Turismo per tutti l’elenco dei trenta lidi accessibili della regione. Per leggere questo elenco si può consultare il documento Spiagge per tutti accessibili.

 In questo articolo mi sono limitata a darvi solo qualche spunto pratico, senza menzionare il cibo, l’accoglienza, i colori e gli odori di questa meravigliosa isola: tutte cose che vanno vissute! Non mi resta quindi che augurarvi buone vacanze!

a cura di Paola Gandolfo

 

Condividi l'articolo.

Scrivi un commento